L’area del Conegliano-Valdobbiadene si estende su un territorio collinare situato a 50 km da Venezia e circa 100 dalle Dolomiti. La viticoltura qui ha origini antichissime ma la prima citazione scritta che lega il Prosecco a questo territorio risale al 1772.

Il Clima
La posizione tra il mare e le Prealpi assicura un clima temperato con una media annua di 12.3° C ed una costante ventilazione. Le colline si estendono da est a ovest, quindi hanno un versante esposto a sud, dove i vigneti godono della migliore esposizione solare, e un versante a nord, solitamente occupato da boschi. L’altitudine varia da 100 a 500 m.

Il suolo
I suoli del Conegliano Valdobbiadene hanno un’origine molto antica, che risale al sollevamento dei fondali marini e lacustri. Una parte delle colline è stata rimodellata dai ghiacciai delle Dolomiti, che hanno portato a valle vari sedimenti. I suoli che ne derivano sono profondi, costituiti da conglomerati di roccia e sabbia con molta argilla e talvolta ferro. Dove il ghiacciaio non ha agito, si sono mantenuti suoli di origine marina, composti di marne e arenarie, meno profondi e più filtranti. 

cit. Consorzio TUTELA DEL VINO CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO

Nel 2019 il territorio delle colline di Conegliano Valdobbiadene ha ricevuto il riconoscimento a patrimonio Unesco.

Valdobbiadene

Si differenzia all’interno dell’area di produzione per la particolare conformazione fatta di irte colline che si intersecano l’una all’altra permettendo una forte escursione termica, donando una complessità aromatica e un’eleganza uniche ai nostri vini.